Home

Procedura per l'iscrizione di una associazione al Registro Regionale del Volontariato

Domanda: 

Siamo un’associazione composta da volontari che si occupano di anziani. Vorremmo sapere qual è la procedura da seguire per l’iscrizione al registro provinciale del volontariato (RRV).

Risposta: 

Ai sensi della normativa nazionale (L. n. 266/1991) e regionale (L.R. n. 28/1993) sul volontariato, nel Registro Regionale del Volontariato (RRV) possono essere iscritte le associazioni e, in generale, tutte le organizzazioni che presentino contestualmente i seguenti requisiti:

  • natura di organismo liberamente costituito;
  • svolgimento di attività di volontariato;
  • utilizzo in modo determinante e prevalente delle prestazioni dei propri aderenti;
  • atto costitutivo o statuto da cui risulti: l’assenza di fini di lucro, la democraticità della struttura, l’elettività e la gratuità delle cariche associative, la gratuità delle prestazioni fornite dagli aderenti, i criteri di ammissione ed esclusione degli aderenti, gli obblighi e i diritti degli aderenti, l’obbligo di formazione del bilancio e le sue modalità di approvazione da parte dell’assemblea degli aderenti, la sede dell’organizzazione;
  • sede legale nel territorio regionale;
  • costituite ed operanti da almeno 6 mesi nel territorio regionale.

Alla domanda d'iscrizione - redatta in carta semplice e sottoscritta in calce dal legale rappresentante dell'organizzazione - deve essere allegata la seguente documentazione:

  • copia dell’atto costitutivo e statuto dai quali risultino i requisiti sopra descritti;
  • elenco nominativo di coloro che ricoprono le diverse cariche associative (sottoscritto in calce dal legale rappresentante dell'organizzazione);
  • relazione concernente l’attività svolta dall'organizzazione e quella in programma (sottoscritta in calce dal legale rappresentante dell'organizzazione);
  • copia del bilancio consuntivo relativo all’esercizio precedente approvato dall’assemblea, con indicati contributi, beni e lasciti, nonché lo stato patrimoniale;
  • dichiarazione sottoscritta dal rappresentante legale concernente la determinante prevalenza dei volontari rispetto al numero dei lavoratori dipendenti e dei professionisti convenzionati.

La Regione Toscana, con la Legge 1° marzo 2016, n. 21 (“Riordino delle funzioni di tenuta degli albi regionali del terzo settore ai sensi della L.R. 22/2015”), modificando l’art. 4 della L.R. n. 28/1993, ha stabilito che:

  • la tenuta delle sezioni provinciali del RRV è effettuata dai comuni capoluogo di provincia (tale dizione comprende anche la Città Metropolitana di Firenze);
  • la domanda di iscrizione al RRV é presentata al comune capoluogo di provincia tramite il comune nel cui territorio ha sede legale l’organizzazione;
  • la trasmissione della domanda di iscrizione (unitamente alla correlata documentazione) é effettuata, per via telematica, nei confronti del comune capoluogo, da parte del comune nel cui territorio ha sede legale l’organizzazione entro 3 giorni dalla presentazione;
  • il comune capoluogo di provincia, entro 90 giorni dal ricevimento della domanda, accertati i requisiti previsti dalla normativa vigente, adotta l’atto per l’iscrizione dell’organizzazione richiedente nella sezione provinciale del registro regionale ovvero, in caso non sussistano i requisiti, adotti l’atto motivato di diniego all’iscrizione medesima.
×